Olimpiadi della Pizza

#FermentoLab
Dicembre 18, 2018

La VERA pizza napoletana, si sa, è unica ed ha un nome: Verace.
Per la certificazione della qualità di questa specialità campana è stata istituita 30 anni fa una vera a propria associazione: l’Associazione Verace Pizza Napoletana (AVPN) che ogni anno organizza le Olimpiadi della pizza napoletana alle quali noi di Fermento quest’anno avremo il piacere di partecipare.

AVPN: COSA FA E PERCHÈ

L’associazione Verace Pizza Napoletana (AVPN) nasce a Napoli nel 1984 con lo scopo di valorizzare e difendere la VERA pizza napoletana dalle ormai troppo diffuse catene di fast food e pizzerie che utilizzano la denominazione “vera pizza napoletana”.

Durante i primi anni l’associazione prevede corsi per la formazione di maestri pizzaioli e la costituzione di un comitato tecnico in grado di esaminare qualità organolettica e visiva dei prodotti.

Solo nel 1989, durante il centenario della pizza margherita, si inizia a sentire la necessità di una regolamentazione in grado di creare degli standard circa qualità e genuinità della pizza: fu il Direttore Antonio Pace (figlio del Presidente Vincenzo) a constatare che troppo spesso prodotti più o meno scadenti venivano spacciati per pizze napoletane e a scrivere di conseguenza le regole per la preparazione e lavorazione delle pizze “veraci”.
Nello stesso anno l’Associazione organizza, nella galleria Umberto I a Napoli, un convegno mondiale di pizzaioli aperta al pubblico e caratterizzata da dibattiti e assemblee.

Nel 1993 in collaborazione con il nuovo sindaco eletto di Napoli (Antonio Bassolino) viene definita una certificazione per la qualità che sarà poi rilasciata solamente ai pizzaioli rispettosi della tradizione.

È nel mese di luglio del 1997 che il sindaco di Napoli e l’Associazione presentano il disciplinare della “verace pizza napoletana”, ossia il primo passo verso il marchio DOC. Quest’ultimo viene poi ottenuto nel mese di settembre e rappresenta la protezione per una specialità locale, ma allo stesso tempo una difesa e promozione delle aziende del settore agroalimentare campano: il marchio infatti prevede l’utilizzo di materie prime campane come mozzarella di bufala e pomodori San Marzano.

LE OLIMPIADI DELLA PIZZA

Dall’8 al 10 luglio si svolgeranno a Napoli le “Olimpiadi della Vera Pizza Napoletana” durante le quali si sfideranno in diverse specialità pizzaioli Veraci provenienti da tutto il mondo.

Le discipline in gara sono 5: “Vera Pizza Napoletana”, “per Gourmet”, “Gluten free”, “Pizza Fritta” e “Mastunicola”.
È prevista anche una competizione per gli under 35 non iscritti all’albo dell’AVPN che gareggeranno sfidandosi con margherite e marinare.

Noi di Fermento quest’anno avremo l’onore di partecipare alle olimpiadi: Vincenzo per le specialità “Pizza senza glutine” e “Pizza Fritta”, mentre Gianluca per le specialità “Pizza per Gourmet” e “Vera Pizza Napoletana”, nelle quali speriamo di dare il nostro meglio con la passione che ci contraddistingue nel nostro lavoro.

FERMENTO1889

Volevamo lasciare un’impronta indelebile su Firenze, e l’abbiamo fatto.
Ora è il momento di confrontarci con i più grandi pizzaioli e ritagliarci il nostro posto tra di loro.

La pizza è da sempre la nostra più grande passione e per questo abbiamo dedicato maggior parte delle nostre vite a studiare e a migliorare le nostre tecniche di lavoro, la scelta delle materie prime (come le farine speciali e la ricerca de loro equilibrio), ma soprattutto ci siamo sempre impegnati per rispettare la qualità e il nome proprio della PIZZA.

Con queste premesse partiamo alla volta di Napoli e delle Olimpiadi carichi di voglia di mostrare i nostri valori e di trasmetterli nei prodotti che saranno i nostri biglietti da visita.
In bocca al lupo a noi e a presto, con tante novità!

Il programma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *